Accessori di prestigio…le nappe! Tassel’s Power!

E’ ormai dalla scorsa estate che si vedono praticamente ovunque, le nappe hanno conquistato l’attenzione  di brand famosi, sono utilizzate per adornare non solo abiti ma anche borse, scarpe, e gioielli! Forse il loro grande successo è dovuto alla loro storia, a ciò che hanno rappresentato per secoli, al prestigio e al lusso al quale sono associate.

La parola nappa deriva dal latino “tassellus” che si riferiva ad una chiusura di alcuni indumenti utilizzata per coprire il collo. Ed inizialmente era proprio a questo che servivano: come nodi per evitare che i vestiti si aprissero rivelandosi inopportuni. Con il passare del tempo hanno acquisito significato di talismano ed erano indossate da preti e militari come protezione dagli spiriti maligni, mentre nell’impero Romano divennero simbolo di potere e adornavano gli abiti dell’alta aristocrazia.

Ma è ai Francesi che va riconosciuto il merito di aver trasformato la “nappa” in un vero e proprio trend. Intorno al 16esimo secolo infatti, fu istituita l’arte della “passamaneria”, erano necessari 7 anni di apprendistato per potersi cimentare in questa arte e una singola nappa costava l’equivalente di centinaia di euro a causa dei lunghi tempi di lavoro, della tecnica laboriosa e dei materiali di pregio che venivano utilizzati. Da quel momento le nappe sono state utilizzate come preziose decorazioni e il loro uso si è diffuso in tutta Europa ed oltre.

Accessori di prestigio quindi, anche se oggi forse vengono più spesso associate ad uno stile sbarazzino e un po’ hippy!

Di seguito una galleria con le mie ultime creazione con delle nappe luxury in cotone, rifinite con filo dorato!

www.etsy.com/shop/melaniagorinijewelry

You see them all over the place: hanging off of handbags, jackets, and the tops of smoking slippers. The tassel has almost always been a symbol of power and prestige. The word for “tassel” originated from “tassellus” which, translated from Latin, refers to a clasp at the neck of a garment. In the beginning, tassels served as a weaving knot in garments to prevent unraveling. Then, over the course of time, they took on a more powerful significance: They were worn by ancient priests and military officers as talismans that warded off evil spirits. We can thank the French for turning the tassel into a trendsetter. Around the 16th century, the Guild of the Passementiers established the art of “passementerie.” It took seven years of apprenticeship to be trained in this craft, and a single tassel would cost the equivalent of thousands of dollars to commission, not to mention weeks of labor and valuable materials. 

Here a gallery of my last creations with luxury cotton tassels and gold wire.

www.etsy.com/shop/melaniagorinijewelry

 

 

 

Annunci

Collane in corno…storia e tradizione. Double Horn Necklaces: between history and tradition

Dopo una lunga assenza dal blog causa studi universitari (finalmente conclusi) eccomi di nuovo qua! Oggi ci tengo a presentarvi le nuove collane in argento 925 e argento 925 placcato oro con elementi in corno, che trovate già inserite sullo shop online (il link è il seguente: https://www.etsy.com/shop/MelaniaGoriniJewelry?ref=hdr_shop_menu&section_id=11183437 ) .

Come noterete dalla galleria qui sotto, si tratta di collane realizzate con componenti in corno molto particolari, soprattutto a forma di luna crescente invertita. Forse vi meraviglierà sapere che ogni singolo componente in osso di questa collezione arriva direttamente dall’Indonesia, dove viene raccolto e finemente lavorato, per poi essere da me montato e rifinito nel modo in cui vedete. Ci tengo inoltre a sottolineare che l’osso in questione non è osso di elefante o rinoceronte o di qualsiasi altro animale protetto ma si tratta di ossa e corna di bufali “domestici”, utilizzati in Asia nelle fattorie per la semina o la raccolta nei campi, e che, una volta raggiunta la loro fine naturale, non vengono sprecati ma impiegati come fonte di nutrimento e le loro ossa invece che buttate vengono finemente lavorate per creare questi affascinanti componenti. Nessun animale quindi viene appositamente ucciso per la raccolta di questo materiale!!

Ma perché la forma a luna crescente invertita è così ricorrente nella lavorazione? ? C’è un significato, si tratta di un simbolo, rappresenta un amuleto o forse ha un valore religioso? Devo ammettere che non è stato facile trovare informazioni su questa figura, nonostante sia utilizzata e ripresa da molte famose firme di gioielli (soprattutto americane), tant’è che alla fine ho pensato che si trattasse di un semplice sfogo artistico degli artigiani locali.

Poi il mio contatto in Indonesia (che ringrazio moltissimo per queste preziose informazioni) mi ha dato uno spunto su cui successivamente ho basato le mie ricerche: l’utilizzo della luna crescente invertita potrebbe essere  un richiamo a dei gioielli particolari, tipici dei Nativi americani, chiamati “squash blossom necklaces”. Ora, chi ha immediatamente tradotto il termine alla lettera, penserà << ma cosa c’entrano i -fiori di zucca- con le collane???>>, perché è proprio questo il significato letterale di “squash blossom”: fiore di zucca. Per spiegare questa associazione innanzitutto va detto che queste tipiche collane sono costituite da due parti: il corpo, fatto da componenti di metallo e pietre che sembrano lunghi petali che vanno ad aprirsi, con una sfera alla base (solitamente in turchese), e un pendente, incastonato di pietre, proprio a forma di luna crescente rovesciata, che i Navajo chiamano “Naja”. Le parti del corpo della collana molto probabilmente sono state erroneamente ricollegate al fiore della zucchina, e da lì il nome “squash blossom”. Dico erroneamente perché dalle mie ricerche è emerso che la forma utilizzata per questi componenti molto probabilmente si ispira non al fiore di zucca ma invece al “pomegranate”, ovvero il melograno, simbolo di Granata, che gli Spagnoli e i Messicani usavano utilizzare come decorazione su bluse, pantaloni e mantelle, e che sicuramente sarà stato notato e quindi riadattato dalle tribù indiane.

E il pendente a forma di luna crescente rovesciata? Sembra che questo simbolo derivi invece da un altro ornamento, utilizzato in origine dai Mori per adornare le briglie dei cavalli, che rappresentava un amuleto contro l'”occhio del diavolo” e che quindi serviva come protezione per il cavaliere e per l’animale. Questo tipo di ornamento sarebbe stato tramandato dai Mori agli Spagnoli e dagli Spagnoli ai Messicani ed è proprio ai Messicani che i Navajo lo avrebbero notato, esattamente come il “melograno” e utilizzato per creare queste collane così caratteristiche. Ma si pensa che il simbolo abbia origini ancora più antiche dei Mori, e che fosse già utilizzato al tempo dei Fenici, forse come simbolo di Astarte, dea della fertilità! Insomma un insieme di culture e tradizioni che si intrecciano, non si tratta di semplici ornamenti, ma di simboli che nascondono storie di diversi popoli.

Leggende e storie a parte,  qualsiasi sia il significato che vogliamo attribuirgli, a me  la figura della luna crescente invertita piace tantissimo, ed è proprio per questo che ho deciso di utilizzarla per realizzare queste collane dal gusto etnico, ma chic al tempo stesso, arricchite da pietre brillantissime, adatte a qualsiasi stagione!

Trovate queste collane già inserite sullo shop online ma la collezione non finisce qui, presto altri pezzi unici con componenti in osso altrettanto unici!

 

After a long absence from the blog due to my university studies (finally finished!) I’m back with a new post about the new vermeil and sterling silver necklaces with horn and bone components! You can purchase them on: https://www.etsy.com/shop/MelaniaGoriniJewelry?ref=hdr_shop_menu&section_id=11183437

All these bone components are completely handcarved in Indonesia and then I used them to create unique pieces! I wish to make it clear that the bone used in my products is ethically sourced, is bovine, cow bone, or from the domestic water buffalo, Bubalis bubalis, a bovine animal similar to the cow, used throughout Asia as a plough animal in the rice paddies that produce the staple food of this part of the world. The animals are not killed for their bone or horn to be used in human ornamentation. It’s a bi-product of animals that have come to the end of their life after being used for work and food – milk and sometimes meat.

As can be seen, most of these bone components has an inverted crescent moon shape. Why is this shape so recurrent? It means anything? Maybe is it an amulet? Despite this figure is very often used by famous jewelry brands it was not easy to find some information about its history and tradition.

But my contact in Indonesia gave me an idea:  maybe the inverted crescent was inspired by the American Indian Navajo jewellery called “squash blossoms” that was very popular in th 1970s. These necklaces are made by three indian tribes: Navajo, Zuni and Hopi Indians and they consist of two parts. The “body”, which has unusual beads with a flowering end and an inverted crescent pendant, called “Naja” by the Navajo. However , these “flowering” beads not resemble a squash blossom, but rather a pomegranate! The pomegranate was a symbol of Granada, Spain, and Spanish and Mexican dandies wore a small silver version of thi symbol to decorate their blouses, capes and trousers. Navajo Indians may have seen one of these decorations and incorporated it into a plain silver bead necklace. So “squash blossom” is an incorrect term.

And the inverted crescent pendant? The Indians probably borrowed it from the Spanish crescent moon and star symbol which was attached to the horse’s bridle, on the centre of the animal’s forehead. This tradition was adopted by Spanish from the Moors, which thought the inverted crescent would protect both themselves and their horses from ‘the evil eye’. Navajo craftsmen simplified this theme, often a plain crescent; in fact, the Navajo word for this ornament is “nazhahi” – now commonly spelled “Naja” which means crescent.

I really like this symbol and I’ve decided to expand the bone collection in future…for now, here you go a rich gallery of available necklaces, enjoy it!

 

 



 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stregati dalla Luna

Nel corso dei secoli e fin dai primordi della civiltà, la Luna è stata il corpo celeste più studiato dagli astronomi, ma più per motivi di utilità pratica che per obiettivi scientifici: molti calendari infatti erano basati sul ciclo lunare, ed inoltre era di fondamentale importanza, per la navigazione, conoscere con grande precisione la posizione della Luna in cielo.
Il nostro satellite naturale dominava le antiche mitologie, impersonando, nella maggior parte dei casi, una divinità benigna. Essa rischiarava, durante il plenilunio, le tenebre notturne, ed inoltre permetteva di misurare con precisione lo scorrere del tempo.

Nella tradizione mitologica greco-romana la Luna, grazie alla mutevolezza del suo aspetto che la rende unica fra tutti gli astri, è stata associata non ad una sola, bensì a tre distinte divinità, legate ciascuna a tre sue diverse “manifestazioni”: la Luna Piena, la Luna Nuova e la Luna Crescente.
Metafora rispettivamente di vita, di morte e di rinascita, da tempo immemorabile queste tre figure lunari hanno rappresentato il ciclo della vita: è in tal modo che il simbolismo lunare ha potuto coinvolgere fenomeni apparentemente così eterogenei come la nascita, la morte, la fecondità, la femminilità
, il divenire, l’immortalità. Il primo volto, la Luna nella sua scintillante pienezza, è simbolo di vita, e per la mitologia greco-ellenistica esso assume il nome di Selene.
Il secondo aspetto, quello della Luna Nuova, della Luna in congiunzione con il Sole, è incarnato da Ecate, l’unica divinità a condividere con Zeus
, Re degli Dèi, il privilegio di poter estendere il proprio potere sia sul cielo, sia sulla terra, sia sul mare. Ecate era considerata la Luna Nera, simbolo di morte, ma anche di punto in cui tutto rifluisce per poter prepararsi a rinascere. Essa era inoltre una divinità legata anche al mondo del soprannaturale, degli Spiriti e degli incantesimi: per questa ragione le erano sacri i crocevia, luoghi che la tradizione popolare considerava teatro di sortilegi per antonomasia, dove s’innalzavano statue con le sue sembianze e, poiché si riteneva che Ecate conoscesse il passato, il presente ed il futuro, era raffigurata con tre volti o talvolta con tre corpi.
È forse per questa sua connessione con il mondo della Magia che Ecate finì per essere associata al Mondo degli Inferi, assumendo i connotati negativi di divinità maligna che in origine non aveva.
La terza manifestazione, infine, la falce di Luna che riappare dopo il novilunio, è simbolo di rinascita, di resurrezione, ed assume il nome di Artemide
, sorella di Apollo.

I Greci chiamarono le divinità lunari Selene, Dea dell’Amore, Artemide, Dea della Caccia e della Castità, ed Ecate Dea dell’Oltretomba. Questo aspetto in tre forme della Luna racchiudeva i tre momenti essenziali dell’esistenza: Nascita, Vita e Morte.
I Romani mutarono i nomi delle divinità lunari greche Selene in Diana, Artemide in Lucina (da cui poi deriverà Luna) e Trivia, e sostituirono agli antichi sacrifici umani, celebrati alla Dea della Notte, l’usanza di ululare lungamente nei trivi (dove s’incontrano tre strade). Alla Dea venivano però celebrati sacrifici di animali: addirittura cento buoi in occasioni solenni, da cui deriva la parola ecatombe, che significa appunto “cento buoi”.

E i popoli orientali? Ecco una meravigliosa Fabia Cinese dedicata proprio alla Luna.

“Il Signore dell’Eternità donò il Sole al Giorno, affinché lo illuminasse con la sua luce, facesse maturare i frutti della terra e ricompensasse le fatiche degli uomini… La Notte si offese, lei non ricevé nulla, e rimase tristemente avvolta dall’oscurità.
Ma il gigante Ti-Nu volle consolarla, affondò le sue mani invulnerabili nel molle corpo del Sole, e ne staccò una porzione tondeggiante, che poi avvolse in una nuvola, per portarla alla Notte. Improvvisamente un cane rabbioso si avventò su di lui e, per difendersi, il gigante Ti-Nu fuggì con velocità. Ma la nuvola che avvolgeva la porzione di Sole da donare alla Notte era piena di fenditure e, nella fuga, il suo prezioso contenuto fuoriusciva.
Ti-Nu, ignaro, continuò a correre e non si accorse di spargere intorno a sé scintille luminose, di seminare fiorellini incandescenti. Corse così velocemente, che inciampò nel secchio dove era stato versato il latte argenteo di una capra sacra: quella piccola porzione di Sole che non si era dispersa nella fuga vi cadde dentro, e perse la sua luminosità.
Il gigante Ti-Nu si disperò. Il cane rabbioso continuò ad inseguirlo, Ti-Nu continuò a correre per fuggire e, tutt’oggi, ancora corre.
E non sa di aver creato il firmamento, con le stelle scintillanti e la pallida Luna, protettrice dei sogni…”

Fonte: Il Giardino Delle Fate

https://giardinodellefate.wordpress.com/luna/miti-e-racconti-sullastro-dargento/

Ed ora la galleria delle mie ultime creazioni dedicate proprio alla Luna!

Collane e bracciali in argento 925 e pietre dure, perle di fiume e perle barocche.

I cammei sono interamente scolpiti a mano da abili artigiani di Torre del Greco, montate su cornici in argento 925.

Le trovate inserite nel mio shop online su Etsy.com:

www.etsy.com/shop/melaniagorinijewelry

SALDI DI PASQUA!! EASTER SALE!!

Da oggi, 31 Marzo, fino al 7 Aprile, sono iniziati i SALDI DI PASQUA!!

Prima dell’arrivo della nuova collezione, ho deciso di fare una settimana di saldi pazzi sullo shop online di Etsy!

Potete usufruire di uno sconto del 25% su tutti gli articoli presenti sullo shop online, utilizzando il codice “EASTER25” al momento del checkout.

Che state aspettando? Collegatevi su:

www.etsy.com/shop/melaniagorinijewelry

Tutti i pezzi sono unici, in argento 925 o argento 925 placcato oro e pietre dure!

BIG EASTER SALE!!!

You can save 25% on your order on my shop online on Etsy.com

with the coupon code “EASTER25”

Hurry up! The Coupon is valid until 7h April!!

Sale week before the new spring/summer collection…

www.etsy.com/shop/melaniagorinijewelry

easter sale

 

 

 

Le ceramiche di Caltagirone (made in Sicilia) diventano gioielli…

Durante la mia vacanza in Sicilia, girovagando per le belle stradine di Taormina, ho notato moltissimi negozi stracolmi di bellissime ceramiche, colorate e davvero tipiche!

Quelle che mi hanno colpito di più sono state le famose Teste dei Mori, utilizzate come portavaso oppure soltanto come oggetti di arredamento, e le altrettanto caratteristiche Pigne, che mi è stato detto essere simbolo di “prosperità” e “benvenuto”, infatti non è raro vederne alcune poste sulle colonne all’ingresso di ville e casette.

Chiedendo qualche informazione in più, sono venuta a sapere che le ceramiche vengono prodotte in un paese che si chiama Caltagirone, situato nell’entroterra siciliano più a sud dell’isola…come poteva mancare una visitina in questo caratteristico paese? Al mio arrivo mi sono subito recata in uno dei tanti negozi di ceramiche e ho fatto la conoscenza di due simpaticissimi e gentili artigiani, che mi hanno spiegato tutti i passaggi che servono per la realizzazione e la decorazione delle ceramiche e il significato dei simboli più ricorrenti, come le pigne appunto, e dopo aver parlato un po’ sono venuta a sapere che le famosissime Teste di Moro esistono anche in versione “mini”, con foro lungo tutta la ceramica!

A quel punto, il passo successivo era scontato….acquistate le poche ma preziose “mini” teste disponibili, sono tornata all’hotel soddisfatta e con mille idee che mi frullavano nella zucca!

Tornata a casa in Toscana (sigh!) mi sono messa subito all’opera, e il risultato della mia ricerca e del mio lavoro, sono i pezzi che vedrete nella gallery qui sotto: 3 paia di orecchini e una collana, montati con componenti in argento 925 placcato oro e pietre dure e ovviamente le mini Teste di Moro…in questa piccola collezione che spero proprio di ampliare!!

Ma perché è usanza utilizzare le Teste di Moro come portavaso? Vi lascio con la leggenda che sembra essere alla base di questa tradizione..

“Intorno all’anno 1100, periodo della dominazione dei mori in Sicilia, nel quartiere della Kalsa viveva una bellisima fanciulla dalla pelle rosea paragonabile ai fiori di pesco al culmine della fioritura e un bel paio di occhi che sembravano rispecchiare il bellissimo golfo di Palermo. Ella viveva quasi in clausura, trascorreva le giornate coltivando e curando le piante del suo balcone. Un giorno passando per la Kalsa un giovane moro, vide la bella ragazza, intenta a curare le piante, ne rimase invaghito, decise di volerla per se, senza indugio entrò in casa della ragazza e le dichiarò il suo amore. La fanciulla, colpita da tanto sentimento, ricambiò l’amore del giovane, ma quando seppe che il moro l’avrebbe lasciata per tornare nelle sue terre in Oriente, dove l’attendeva una moglie con un paio di marmocchi, attese le tenebre e non appena esso si addormentò lo uccise, gli tagliò la testa, ne fece un vaso dove vi piantò del basilico e lo mise in bella mostra fuori nel balcone. Il moro, così, non potendo più andar via sarebbe rimasto sempre con lei. Intanto il basilico crebbe rigoglioso e destò l’invidia di tutti gli abitanti del quartiere che, per non essere da meno, si fecero costruire dei vasi di terracotta a forma di testa di moro.

Ancora una volta posso dire “W il MADE IN ITALY”, ecco a voi le bellissime ceramiche di Caltagirone!!

La collezione è in vendita sul mio shop online su Etsy.com, per informazioni su prezzi o altro potete inviare una email a: melania.8@hotmail.it

 

 

Senza corallo, non è estate! It’s not summer without coral!

Se penso al corallo penso all’estate! Il collegamento mi viene spontaneo…perché il corallo è freschezza, colore, luminosità…

Ma questo non significa che il corallo lo si debba indossare solo in estate!

E’ perfetto per qualsiasi stagione e arricchisce ogni outfit, da quelli sportivi con jeans e maglietta a quelli più eleganti per le uscite serali.

Ogni anno, in estate, mi piace realizzare qualcosa in edizione limitata dove il corallo sia il protagonista assoluto, e allora cosa c’è di meglio se non uno splendido ramo di corallo di Sardegna, montato su argento 925 e collana con onice 8 mm sfaccettato?

E se l’abbinamento rosso/nero qualche volta vi stanca, la chiusura a scomparsa vi permette di togliere il ramo per poterlo utilizzare su qualsiasi altra collana!

La collana è lunga 80 cm circa (in modo da poterla portare lunga, o a doppio giro), il ramo è circa 8×6 cm…

Già inserita nello shop on-line su Etsy.com, potete vederla e acquistarla a questo link (oppure inviate una email a melania.8@Hotmail.it), nel frattempo travate alla fine del post una galleria di foto:

https://www.etsy.com/listing/195532277/sterling-silver-necklace-with-authentic?ref=shop_home_active_1

For me, coral is summer, and it’s not summer without coral accessories!

Whatever your style, coral will complement.

It’s perfect for summer and all seasons and for all your outfits!

I really love create something different and great with coral, so I tryed to match coral and black Onyx, and I created a long necklace (approximately 80 cm long) with a big branch of coral and faceted black Onyx!

All findings are sterling silver, coral branch is 8 x 6 cm and Onyx beads are 8 mm.

And if you want to change because the “black and red” match don’t like you anymore, there is a twister clasp style and you can move on the pendant to another necklace or simple chain.

You can find the necklace on my shop on-line on Etsy.com:

https://www.etsy.com/listing/195532277/sterling-silver-necklace-with-authentic?ref=shop_home_active_1

 

 

A lezione di Bon Ton….Bon Ton Style!

Lo stile Bon Ton nasce tra gli anni quaranta e cinquanta. La donna sceglie di apparire ulta femminile, gentile, raffinata e mai fuori posto, proprio come l’icona di questo stile Audrey Hepburn!!

Oggi chi sceglie lo stile Bon Ton vuole valorizzare la propria femminilità e la propria classe, andando contro all’uso sfrenato di capi ultra maschili e di jeans. Le parole chiave sono fiocchi, ruches, camicie, tessuti leggeri, il tutto accompagnato da sobrietà ed eleganza.

Bon Ton è sinonimo di uno stile mai sopra le righe, che esprime un fascino senza tempo. E’ armonia nelle proporzioni, nei colori e negli accessori coordinati.

Se ti senti una “Lady Bon Ton”, nel tuo porta gioie dovrai lasciare spazio per accessori come questi…

Per acquistare: https://www.etsy.com/shop/MelaniaGoriniJewelry o collegati alla pagina Facebook.

Bracciale con cordino e cammei…..Cotton cord and cameos…

Pensando all’estate (che si avvicina sempre di più) non potevo non pensare a qualcosa realizzato con cordino in cotone e colorato….

Qualcosa di semplice, raffinato, da portare tutti i giorni, ma che allo stesso tempo facesse un bell’effetto al polso…

Così prendono vita i nuovi bracciali realizzati con cammei 20×15, ovviamente autentici su conchiglia e scolpiti a mano da artisti di Torre del Greco e cordino in cotone intrecciato…

Sono regolabili e leggerissimi!

Da portare da soli o abbinati ad altri bracciali…magari un bangle rigido argentato o un bracciale con catena e charm o ancora un bracciale in argento con cabochon (nelle foto mostro i diversi abbinamenti)…

Per adesso i colori che ho scelto sono verde, marrone scuro e rosa antico…i bracciali sono solo 4, un’edizione limitata aspettando la primavera/estate che porterà tante belle novità!

Quindi affrettatevi, correte sullo shop online di Etsy ed acquistate il vostro bracciale con cordino!

https://www.etsy.com/shop/MelaniaGoriniJewelry?section_id=13249083&ref=shopsection_leftnav_7

I was thinking about summer and I decided to realize something light, sophisticated and colorful!

So these are the new bracelets with cotton cord and cameos…

Cameos are authentic, handcarved on shell by craftsmen from Torre Del Greco, and they represent flowers, roses and butterflies..

They are adjustable and very colorful (green, rose and dark brown)…

They are perfect with other bangles or charm bracelets or alone! There are 4 only, a limited edition before the new spring/summer 2014 collection !

So what are you waiting for? Go fast on my shop online and  purchase your beautiful “Cord” bracelet!

https://www.etsy.com/shop/MelaniaGoriniJewelry?section_id=13249083&ref=shopsection_leftnav_7

Farfalle e gocce in pietre dura….Butterflies and semiprecious stones!

Per chi ha amato la linea con cammei con farfalle…ecco due paia di orecchini delicati e leggeri…

La parte centrale è sicuramente il perno con cammeo con farfalla, di dimensioni 15 mm…cammeo rigorosamente intagliato a mano e incorniciato in bellissima cornice in argento 925 placcato oro..

Le gocce sono in giada petrolio e in giada rubino…di grande effetto e due colori unici!!!

Tutti i componenti sono in argento 925 placcato oro e le gocce sono rigorosamente pietre dure certificate..

Gli orecchini sono già stati inseriti sullo shop online:

https://www.etsy.com/shop/MelaniaGoriniJewelry?section_id=13253932

Che aspettate a volare leggere come farfalline?;-)

If you have loved Butterflies and bows Collection…there are two beautiful pair of earrings with cameos and semiprecious stones..

Teardrops are petrol and ruby jade…cameos are authentic handcarved on shell from Torre del Greco and all findings are vermeil (sterling silver electroplated with gold)

Personally I find them very delicate and refined…

You can purchase them on:

https://www.etsy.com/shop/MelaniaGoriniJewelry?section_id=13253932

 

La danza è la mia passione…Dance is my life..

Se il tuo motto è “La Danza è la mia vita” o sei semplicemente un’appassionata di ballo, allora queste collane non possono mancare nella tua collezione…

Altre due collane con cammeo con ballerina…una con filo di perle di fiume e cammeo 30×25 mm e un’altra con catena in argento 925 (intercambiabile con paricollo di perle) e cammeo 25×20 mm

Cornice e componenti in argento 925…

Impossibile da non amare a prima vista!

Le trovate sul mio shop online:

https://www.etsy.com/listing/173883773/sterling-silver-necklace-with-freshwater?ref=shop_home_active

If you are a danceholic or “dance is my life” is your motto, so you can’t love these new necklaces with cameos with “Ballerina”..

The first, with freshwater pearls necklace and 30×25 mm cameo and the second, with 50 cm sterling silver chain and 25×20 mm cameo..

All findings are sterling silver and freshwater pearls necklace is approximately 80 cm long!

I love these necklaces on a simple outfit (jeans and t-shirt perhaps) but they are perfect for great occasions too (on a little black dress for example).

You can find them on my shop online:

https://www.etsy.com/listing/173883773/sterling-silver-necklace-with-freshwater?ref=shop_home_active