Accessori di prestigio…le nappe! Tassel’s Power!

E’ ormai dalla scorsa estate che si vedono praticamente ovunque, le nappe hanno conquistato l’attenzione  di brand famosi, sono utilizzate per adornare non solo abiti ma anche borse, scarpe, e gioielli! Forse il loro grande successo è dovuto alla loro storia, a ciò che hanno rappresentato per secoli, al prestigio e al lusso al quale sono associate.

La parola nappa deriva dal latino “tassellus” che si riferiva ad una chiusura di alcuni indumenti utilizzata per coprire il collo. Ed inizialmente era proprio a questo che servivano: come nodi per evitare che i vestiti si aprissero rivelandosi inopportuni. Con il passare del tempo hanno acquisito significato di talismano ed erano indossate da preti e militari come protezione dagli spiriti maligni, mentre nell’impero Romano divennero simbolo di potere e adornavano gli abiti dell’alta aristocrazia.

Ma è ai Francesi che va riconosciuto il merito di aver trasformato la “nappa” in un vero e proprio trend. Intorno al 16esimo secolo infatti, fu istituita l’arte della “passamaneria”, erano necessari 7 anni di apprendistato per potersi cimentare in questa arte e una singola nappa costava l’equivalente di centinaia di euro a causa dei lunghi tempi di lavoro, della tecnica laboriosa e dei materiali di pregio che venivano utilizzati. Da quel momento le nappe sono state utilizzate come preziose decorazioni e il loro uso si è diffuso in tutta Europa ed oltre.

Accessori di prestigio quindi, anche se oggi forse vengono più spesso associate ad uno stile sbarazzino e un po’ hippy!

Di seguito una galleria con le mie ultime creazione con delle nappe luxury in cotone, rifinite con filo dorato!

www.etsy.com/shop/melaniagorinijewelry

You see them all over the place: hanging off of handbags, jackets, and the tops of smoking slippers. The tassel has almost always been a symbol of power and prestige. The word for “tassel” originated from “tassellus” which, translated from Latin, refers to a clasp at the neck of a garment. In the beginning, tassels served as a weaving knot in garments to prevent unraveling. Then, over the course of time, they took on a more powerful significance: They were worn by ancient priests and military officers as talismans that warded off evil spirits. We can thank the French for turning the tassel into a trendsetter. Around the 16th century, the Guild of the Passementiers established the art of “passementerie.” It took seven years of apprenticeship to be trained in this craft, and a single tassel would cost the equivalent of thousands of dollars to commission, not to mention weeks of labor and valuable materials. 

Here a gallery of my last creations with luxury cotton tassels and gold wire.

www.etsy.com/shop/melaniagorinijewelry

 

 

 

Stregati dalla Luna

Nel corso dei secoli e fin dai primordi della civiltà, la Luna è stata il corpo celeste più studiato dagli astronomi, ma più per motivi di utilità pratica che per obiettivi scientifici: molti calendari infatti erano basati sul ciclo lunare, ed inoltre era di fondamentale importanza, per la navigazione, conoscere con grande precisione la posizione della Luna in cielo.
Il nostro satellite naturale dominava le antiche mitologie, impersonando, nella maggior parte dei casi, una divinità benigna. Essa rischiarava, durante il plenilunio, le tenebre notturne, ed inoltre permetteva di misurare con precisione lo scorrere del tempo.

Nella tradizione mitologica greco-romana la Luna, grazie alla mutevolezza del suo aspetto che la rende unica fra tutti gli astri, è stata associata non ad una sola, bensì a tre distinte divinità, legate ciascuna a tre sue diverse “manifestazioni”: la Luna Piena, la Luna Nuova e la Luna Crescente.
Metafora rispettivamente di vita, di morte e di rinascita, da tempo immemorabile queste tre figure lunari hanno rappresentato il ciclo della vita: è in tal modo che il simbolismo lunare ha potuto coinvolgere fenomeni apparentemente così eterogenei come la nascita, la morte, la fecondità, la femminilità
, il divenire, l’immortalità. Il primo volto, la Luna nella sua scintillante pienezza, è simbolo di vita, e per la mitologia greco-ellenistica esso assume il nome di Selene.
Il secondo aspetto, quello della Luna Nuova, della Luna in congiunzione con il Sole, è incarnato da Ecate, l’unica divinità a condividere con Zeus
, Re degli Dèi, il privilegio di poter estendere il proprio potere sia sul cielo, sia sulla terra, sia sul mare. Ecate era considerata la Luna Nera, simbolo di morte, ma anche di punto in cui tutto rifluisce per poter prepararsi a rinascere. Essa era inoltre una divinità legata anche al mondo del soprannaturale, degli Spiriti e degli incantesimi: per questa ragione le erano sacri i crocevia, luoghi che la tradizione popolare considerava teatro di sortilegi per antonomasia, dove s’innalzavano statue con le sue sembianze e, poiché si riteneva che Ecate conoscesse il passato, il presente ed il futuro, era raffigurata con tre volti o talvolta con tre corpi.
È forse per questa sua connessione con il mondo della Magia che Ecate finì per essere associata al Mondo degli Inferi, assumendo i connotati negativi di divinità maligna che in origine non aveva.
La terza manifestazione, infine, la falce di Luna che riappare dopo il novilunio, è simbolo di rinascita, di resurrezione, ed assume il nome di Artemide
, sorella di Apollo.

I Greci chiamarono le divinità lunari Selene, Dea dell’Amore, Artemide, Dea della Caccia e della Castità, ed Ecate Dea dell’Oltretomba. Questo aspetto in tre forme della Luna racchiudeva i tre momenti essenziali dell’esistenza: Nascita, Vita e Morte.
I Romani mutarono i nomi delle divinità lunari greche Selene in Diana, Artemide in Lucina (da cui poi deriverà Luna) e Trivia, e sostituirono agli antichi sacrifici umani, celebrati alla Dea della Notte, l’usanza di ululare lungamente nei trivi (dove s’incontrano tre strade). Alla Dea venivano però celebrati sacrifici di animali: addirittura cento buoi in occasioni solenni, da cui deriva la parola ecatombe, che significa appunto “cento buoi”.

E i popoli orientali? Ecco una meravigliosa Fabia Cinese dedicata proprio alla Luna.

“Il Signore dell’Eternità donò il Sole al Giorno, affinché lo illuminasse con la sua luce, facesse maturare i frutti della terra e ricompensasse le fatiche degli uomini… La Notte si offese, lei non ricevé nulla, e rimase tristemente avvolta dall’oscurità.
Ma il gigante Ti-Nu volle consolarla, affondò le sue mani invulnerabili nel molle corpo del Sole, e ne staccò una porzione tondeggiante, che poi avvolse in una nuvola, per portarla alla Notte. Improvvisamente un cane rabbioso si avventò su di lui e, per difendersi, il gigante Ti-Nu fuggì con velocità. Ma la nuvola che avvolgeva la porzione di Sole da donare alla Notte era piena di fenditure e, nella fuga, il suo prezioso contenuto fuoriusciva.
Ti-Nu, ignaro, continuò a correre e non si accorse di spargere intorno a sé scintille luminose, di seminare fiorellini incandescenti. Corse così velocemente, che inciampò nel secchio dove era stato versato il latte argenteo di una capra sacra: quella piccola porzione di Sole che non si era dispersa nella fuga vi cadde dentro, e perse la sua luminosità.
Il gigante Ti-Nu si disperò. Il cane rabbioso continuò ad inseguirlo, Ti-Nu continuò a correre per fuggire e, tutt’oggi, ancora corre.
E non sa di aver creato il firmamento, con le stelle scintillanti e la pallida Luna, protettrice dei sogni…”

Fonte: Il Giardino Delle Fate

https://giardinodellefate.wordpress.com/luna/miti-e-racconti-sullastro-dargento/

Ed ora la galleria delle mie ultime creazioni dedicate proprio alla Luna!

Collane e bracciali in argento 925 e pietre dure, perle di fiume e perle barocche.

I cammei sono interamente scolpiti a mano da abili artigiani di Torre del Greco, montate su cornici in argento 925.

Le trovate inserite nel mio shop online su Etsy.com:

www.etsy.com/shop/melaniagorinijewelry

Collane rosario…il trend del momento! The new rosary necklaces!

Il rosario è sicuramente uno dei must have delle ultime stagioni….è leggero, pratico da portare e molto, molto chic!

I rosari che ho realizzato sono una rivisitazione del modello classico, con aggiunta di cammei autentici, tutti scolpiti a mano su conchiglia Sardonica…i colori? Rosso, viola, celeste, bianco…solo esclusivamente pietre dure o perle di fiume!

Sono fantastici da portare da soli ma sicuramente portati abbinati (2 o 3 insieme) hanno un effetto ancora più bello e unico…

Tutti i componenti sono in argento 925 o argento 925 placcato oro! E ora la galleria con tutte le foto..

Ricordate…li potete trovare già inseriti sullo shop online a questo link:

www.etsy.com/shop/melaniagorinijewelry